Menu
Editore e Direttore Responsabile: Giuseppe Praticò
Reg. Tribunale di Rc n.5/2014 del 18/06/14

Cade l'Enotria, quattro squadre di nuovo in testa

  • Scritto da Santo Gallo
  • Categoria: Serie C1

 

Enotria LameziaEnotria LameziaÈ durata solo tre giorni la mini-fuga dell’Enotria Five Soccer Catanzaro, sconfitta al PalaGallo dal sempre più sorprendente Lamezia Soccer di Bebo Carrozza al termine di un match dagli alti contenuti agonistici. Si è riformato così un gruppo di quattro squadre in testa alla classifica del torneo di C1, tutte a quota sette punti: il sopracitato Lamezia, il Futsal Polistena, il Mirto e il Kroton. La formazione di mister Alfarano ha battuto, non senza patemi, una grintosa Maestrelli, trascinata dai suoi due “top player” Creaco ed Ecelestini e da una prestazione che ha confermato la crescita di un gruppo che pian piano sta trovando le giuste alchimie. Colpaccio del Mirto contro il Città di Cosenza: la prova di alto spessore che una settimana fa aveva permesso a Savoia e compagni di fermare il Futsal Polistena non è stata frutto del caso o delle motivazioni extra per il fatto di aver affrontato la favorita per la vittoria finale: quella di mister Loria sta dimostrando di essere una squadra da tenere in considerazione per i quartieri alti della classifica. Il Kroton, come da pronostico, ha liquidato con un largo 7-1 la Roglianese, poi dietro le quattro prime troviamo il duo formato dall’Enotria Five Soccer e da LS Spadafora Games Traforo. Pesantissima vittoria per il Traforo di mister Madeo nell’importante sfida contro il Bovalino, una vittoria conquistata all’ultimo respiro, proprio come una settimana fa nei secondi finali Dedé e compagni erano stati puniti dal Lamezia Soccer. Passo indietro per gli amaranto dopo la bella affermazione di Coppa Italia, da salvare soprattutto la reazione sul doppio svantaggio che aveva li portati dallo 0-2 al 2-2. Splendido exploit per la Sensation Profumerie, che travolge un irriconoscibile Polistena C5 e conquista così i primi tre punti stagionali con G. Cremona, autore di una tripletta, in grande spolvero; altro pareggio per il Bisignano Magic Games, che non è riuscito ad avere la meglio su una gagliarda Amantea, nonostante l’esordio dell’italo-brasiliano Bier. Continua il momento no per la compagine del presidente Reda, che sabato prossimo sarà chiamata ad una severo test, che (già) sa tanto di sfida verità: il match casalingo contro il Futsal Polistena.

ENOTRIA- FIVE CZ – LAMEZIA SOCCER 3 - 5

Marcatori: 10' M.Capicotto, 13'pt e 9'st Capicotto A., 16'pt e 25'st Deodato (L), 32'pt aut.Monterosso (L), 28'st Loriggio (L), 35'st Montesanti (L)

Deodato Andrea LameziaDeodato Andrea Lamezia

Partita molto nervosa e combattuta quella andata in scena al Palagallo tra la capolista Enotria Five Soccer Città di Catanzaro e una delle più immediate inseguitrici Lamezia Soccer. La squadra di casa parte meglio e nel primo quarto d'ora si porta sul 2-0 grazie ai gol dei fratelli Capicotto, prima Mario sottoporta realizza la rete dell'1-0 e poi Andrea con un gran diagonale porta i suoi sul doppio vantaggio. Poi però accade un episodio che surriscalda gli animi in campo, allorquando in seguito ad un'azione degli ospiti la palla arriva a Montesanti, il quale furbescamente induce un avversario al contatto che viene puntualmente punito dal primo arbitro con un calcio di rigore realizzato da Deodato; nell'occasione si registrano le veementi proteste dei padroni di casa sia per l'abboccamento in cui è ricaduto l'arbitro e sia per un precedente fallo subito dal portiere nonché per la presunta fuoriuscita del pallone controllato dal giocatore in questione successivamente atterrato. Questo episodio innervosisce particolarmente i ragazzi di Mister Cundò (e ne condizionerà anche in seguito la prestazione), che difatti proprio in chiusura di tempo subiscono il gol del 2-2 in seguito ad una ripartenza e sfortunata deviazione di Monterosso nella propria porta. Nella ripresa comunque l'Enotria sembra in grado di reindirizzare la gara a proprio favore ed infatti ancora A. Capicotto trafigge il portiere ospite con un tiro imparabile riportando avanti i suoi. Ma nel finale il Lamezia approfitta della superiorità numerica per via dell'espulsione del portiere Levato in uscita su un avversario che si trovava ancora parecchio distante dalla porta e riesce caparbiamente a ribaltare il risultato con due reti in successione ancora di Deodato e poi di Loriggio, arrotondando il punteggio nei minuti di recupero con Montesanti in contropiede. C'è tempo nell'ultimo minuto per un calcio di rigore che Castanò si fa parare dall'ottimo portiere Bentornato prima del fischio finale che sancisce la vittoria degli ospiti... Da segnalare anche l'espulsione di Capicotto M., tra i locali, per proteste e in generale la contestazione di tutta la Società e la squadra nei confronti appunto dell'arbitraggio, in particolare del primo arbitro... C'è amarezza per l'andamento della gara ma allo stesso tempo la consapevolezza che si può fare comunque una grande stagione perché la squadra è all'altezza del campionato e affinando l'intesa c'è fiducia che quanto prima si tornerà alla vittoria... Inoltre, per dovere di correttezza, la Società Enotria Five Soccer Città di Catanzaro ci tiene a complimentarsi con la Società ospite per la vittoria odierna e a fare un doveroso plauso alla squadra avversaria per l'ottima prestazione sia sul piano tecnico e sia anche e soprattutto dal punto di vista caratteriale, evidenziando altresì proprio per questo motivo la poca attenzione ed in particolare l'eccessiva leggerezza da parte degli arbitri in occasione di episodi, come quello ben descritto in precedenza, che spesso rischiano di condizionare il risultato oltre a far degenerare gli animi in campo, per cui si vuole e si intende ribadire con forza il concetto che gli arbitri debbano agire con minor senso di presunzione durante la gara e valutare con maggiore calma e attenzione i singoli episodi determinanti, come può essere il calcio di rigore in questione, al fine di garantire la massima regolarità del campionato, soprattutto e a maggior ragione quest'anno, in cui c'è meno differenza di valori tra le squadre partecipanti, prova ne è il match di oggi... (Enotria Five Soccer Città di Catanzaro)

FUTSAL POLISTENA – MAESTRELLI   6-2 

Marcatori: Ecelestini (P), Creaco (P), Lorenti (M), Arcudi (M), aut. Gattuso (P), Creaco (P), Ecelestini (2) (P)

Creaco detta tempi Futsal PolistenaCreaco detta tempi Futsal PolistenaVittoria doveva essere e vittoria è stata per il Futsal Polistena, ma contro la Maestrelli non è stato tutto semplice come potrebbe sembrare dal risultato. Gli ospiti hanno cercato di duellare alla pari il più possibile con più quotati avversari, mettendo in campo tanto agonismo, poi però è emersa la forza della compagine di Alfarano e per i bianco blu c’è stato poco da fare. Primi 15’ tutti per Calabrese e compagni, che si portavano sul 2-0 grazie ai “soliti” Ecelestini e Creaco (il trono dei bomber della C1 quest’anno sarà tutto affar loro?), poi però calavano d’intensità e ciò coincideva con la crescita della Maestrelli, capace di ricucire il doppio svantaggio grazie alle reti di Lorenti e Arcudi. Nella ripresa una deviazione decisiva di Gattuso su un tiro di Ecelestini riportava avanti il Futsal Polistena, che poi “scappava via” nel punteggio grazie ancora una volta al suo devastante duo, con Ecelestini che dalla propria metà campo, con la Maestrelli schierata con il portiere di movimento, metteva il punto esclamativo alla vittoria della sua squadra, che ha così riconquistato la vetta alla classifica, seppur in coabitazione. E l’auspicio, anzi l’obiettivo, della formazione di Alfarano è quello di non mollarla fino alla fine della regular season. 

CITTA’ DI COSENZA – LM MIRTO 3 - 4

Marcatori: 1' De Vincenti, 6'pt e 9'st Fortino (COS), 25' De Vincenti, 31'pt aut.Fortino, 6'st Savoia, 30'st Potestio (COS)

Citt CS MIrtoCitt CS MIrtoNeanche il tempo di smaltire la vittoria in Coppa Italia di mercoledì scorso che la squadra del presidente Fuoco si rituffa subito in campionato. Al Palaferraro di Cosenza va di scena la terza giornata con i rossoblù opposti al Mirto, granitica compagine che nella scorsa giornata è riuscita a fermare i "marziani" del Futsal Polistena. Parte subito in avanti il Città di Cosenza e dopo 30 secondi è Potestio a scaldare i guanti di Campana. Alla prima azione, però, è il Mirto a portarsi in vantaggio grazie alla rete dell'esperto De Vincenti, bravo a liberarsi della marcatura e a trafiggere l'estremo difensore rossoblù in uscita. Al sesto minuto è Fortino C. con un tiro dalla distanza a pareggiare i conti. Il Città di Cosenza continua ad attaccare, per ben tre volte Campana deve fare i miracoli sulle conclusioni di Potestio, Pagliuso e Fortino C. ma, come nel calcio, gol sbagliato gol subito: al 25° De Vincenti realizza la sua personale doppietta. Al 30° viene assegnato un calcio di rigore che Schiavelli manda a lato, qualche secondo dopo lo stesso Schiavelli, in percussione sulla banda, trova la sfortunata deviazione di Fortino C. per l'1-3 col quale si conclude il primo tempo.
Secondo tempo che inizia con il Mirto subito in gol, al quarto, grazia al gol di Savoia P. su assist di un indemoniato Schiavelli. Prova a dare una scossa Fortino C. qualche minuto dopo realizzando con un tiro da fuori area il goal del 2 a 4. I minuti passano inesorabili e di occasioni se ne vedono poche, da una parte e dall'altra. Al 30° Potestio accorcia, mister Mendicino mette in campo il quinto uomo alla disperata ricerca del pari ma dopo tre minuti di recupero Mondilla e Gatto fischiano la fine della contesa. (Città di Cosenza Calcio a 5)
 

Martino Luigi KrotonMartino Luigi KrotonGLS KROTON – ROGLIANESE 7 - 1

Marcatori: Martino L. (3), Cimino (2), Perrotta, Federico per il Kroton; Marsico per la Roglianese

Il Kroton ne fa sette ai giovani della Roglianese e ritorna nel plotone di squadre in testa alla classifica. Vittoria larga per i pitagorici, trascinati come al solito dalle loro “bocche di fuoco” L. Martino e Cimino. Alla festa dei rossoblu partecipano stavolta anche Perrotta e Federico. Non è bastata alla Roglianese la solita generosa prova: i ragazzi di Sicilia avevano provato a riaprila, ma poi non sono riusciti a dar seguito alla rete del 3-1 firmata da Marsico ed ora sono da soli fermi al palo sul fondo della graduatoria. 

 

 

 

L.S. TRAFORO SPADAFORA GAMES – BOVALINO  3 - 2

Marcatori: 6' pt Rafinha (T) 31' pt Salerno (rig.) (T), 1' st Cameriere aut. (B), 55' Zurlo (BO), 61' Salerno (TR)

Salerno Giuseppe Salerno Giuseppe La Sportiva Spadafora Games Traforo vince all’ultimo respiro, ma meritatamente, il match contro il Bovalino. Un match entusiasmante e corretto tra due società amiche, che alla fine ha visto prevalere la formazione di casa, autrice di una grande prestazione, ma col demerito di non aver concretizzato la mole di occasioni avute, anche per merito di un Manti pressoché insuperabile. Il primo tempo è stato appannaggio dei rossanesi, che trovavano l’1-0 con Rafinha, colpivano due pali con lo stesso Rafinha e Dedé e mancavano un’occasionissima con Buffone, oltre ad almeno due-tre interventi super di Manti. Il 2-0 realizzato su rigore da Salerno al 25’ rendeva merito a quanto fatto dai ragazzi di Madeo. Nella ripresa pronti via e Cameriere collezionava un altro autogol su un angolo di Zurlo, riaprendo di fatti la gara. Il Traforo non accusava inizialmente il colpo, poi però calava vistosamente e dall’altra parte il Bovalino trovava finalmente la reazione che tutti si aspettavano, spingendo sull’acceleratore e pareggiando i conti a 5’ dal termine con il “solito” Zurlo. Manti era ancora strepitoso su Dedè, il match sembrava così avviarsi verso il pari, ma in pieno recupero Salerno, su schema da calcio di punizione, pescava il jolly da tre punti per la sua squadra. 

SENSATION PROFUMERIE – POLISTENA C5   7 - 4

Marcatori: Roccisano (S), Alì (S), D'Agostino (P), Roccisano (S), Simari (S), Napoli (P), Cremona G. (3) (S), D'Agostino (P), Cosoleto (P)

Sensation Polistena C5Sensation Polistena C5Primi tre punti per la Sensation Profumerie C5 che vince 7-4 ai danni del Polistena C5 e ritrova fiducia ed entusiasmo. Nel primo tempo, bel gioco e tanta grinta da parte di entrambe le squadre: il fattore campo fa emergere la parte migliore della squadra gioiosana che, pur sprecando diverse occasioni, chiude con un vantaggio di 3-1 (Roccisano 2 e Alì per la Sensation Profumerie C5 e D'Agostino per gli ospiti). Nella ripresa, Sensation Profumerie C5 ancora all'attacco: al 15' minuto trova la rete del 4-1 con Simari ma due minuti più tardi gli ospiti dimezzano lo svantaggio con Napoli. Al 21' minuto, il Polistena C5 centra un palo con D'Agostino ma oggi la squadra di casa ha una marcia in più: Cremona G. piazza un goal all'incrocio dei pali e porta il risultato prima sul 5-2, poi su tiro libero 6-2 e poi, su una palla rasoterra da fuori area, aumenta il divario con 7-2, regalando una tripletta fenomenale. Sul finale, scatto di orgoglio degli ospiti che non mollano e, complice un calo di tensione della squadra di casa, trovano altre due reti per il risultato finale che è 7-4. Partita emozionante, all'insegna del FairPlay e dell'agonismo nella sua accezione migliore. (Ufficio Stampa ASD Sensation Profumerie C5)

AMANTEA – BISIGNANO MAGIC GAMES 1 - 1

Marcatori: 28' pt Metallo (B), 10' st Bonocore (A)

Bonocore AmanteaBonocore AmanteaPunto prezioso per l’Amantea contro un Bisignano Magic Games che deve ancora rinviare l’appuntamento con la vittoria, nonostante l’esordio del neo acquisto Mauricio Bier, tra l’altro autore di una buona prestazione. I ragazzi di mister Carnuccio hanno giocato una gara tatticamente ineccepibile, tanto che nel primo tempo hanno sfiorato il vantaggio con Bonocore e Miraglia (murati nella stessa azione da un grande Rotella) e hanno contenuto al meglio gli ospiti, i quali hanno tenuto in mano il pallino del possesso senza però creare clamorose occasioni, fino a quando non sono riusciti a sbloccare il risultato, sfruttando un episodio, ossia la punizione vincente di Metallo, ancora una volta a segno. Nella ripresa Carnuccio inseriva subito il portiere di movimento e al 10’ la pressione dei padroni di casa si concretizzava con la rete di Bonocore. Si proseguiva con il Bisignano che aumentava il ritmo a caccia del successo, ma l’Amantea si difendeva con le unghie e con i denti fino al triplice fischio finale e incamerava un pareggio che le permette di schiodarsi dall’ultimo posto della classifica. 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy