Menu
Editore e Direttore Responsabile: Giuseppe Praticò
Reg. Tribunale di Rc n.5/2014 del 18/06/14

L'Enotria Five Soccer accusa

  • Scritto da Comunicato Stampa
  • Categoria: Serie C1

Quel che è successo a Bovalino è un fatto veramente molto GRAVE, ASSURDO, INTOLLERABILE E INQUALIFICABILE... Giungere sul luogo dove si dovrebbe disputare una gara, trovare i cancelli d'entrata inspiegabilmente chiusi ed essere aggrediti e minacciati proprio all'entrata della struttura da un gruppetto di persone, almeno 3/4 (di cui un paio facenti parte della Società del Bovalino), senza che ci sia stata una SOLA PERSONA a bloccare questi pseudo individui, lascia veramente esterrefatti e fa passare totalmente la voglia di giocare... Tra l'altro è stata un'aggressione, quella subita, VILE E VIGLIACCA, in quanto non vi erano state avvisaglie né nei giorni precedenti alla gara e neanche nell'immediato arrivo, ma è sembrata a tutti gli effetti una vera e propria imboscata nei confronti di tutti i componenti presenti della nostra Società. Dopo il fattaccio, che per fortuna (e grazie alla tempestività nel reagire prontamente alle ripetute aggressioni fisiche e minacce verbali), non ha avuto effetti negativi evidenti, ma ha inciso tantissimo sull'aspetto prettamente morale e psicologico nei confronti di tutti noi, e dopo essere RIUSCITI finalmente ad entrare negli spogliatoi, abbiamo provveduto ad informare di quanto successo sia gli arbitri sia la Società di casa, provvedendo a chiamare le forze dell'ordine per cercare di ristabilire la calma e tranquillizzare gli animi e facendo presente altresì che è apparsa subito evidente la volontà da parte dei nostri ragazzi (tra cui 3/4 under...) di non voler giocare la gara in quanto ormai non si sentivano più obiettivamente e giustamente nelle necessarie condizioni psicologiche di affrontare la gara, come da apposita comunicazione fatta ai direttori di gara... Da sempre la nostra Società si è contraddistinta per i principi ideologici e morali improntati sulla buona educazione, la lealtà e la correttezza nei confronti delle Società avversarie, per cui dinanzi a simili SQUALLIDI episodi come quello descritto la priorità per noi non potrà mai essere quella di prediligere il risultato sportivo ma sicuramente è quella di salvaguardare sempre e comunque l'incolumità dei nostri tesserati e denunciare con forza e convinzione l'intolleranza verso questi tristi FATTACCI che mai dovrebbero capitare e nulla hanno a che fare con lo SPORT!!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy