Menu
Editore e Direttore Responsabile: Giuseppe Praticò
Reg. Tribunale di Rc n.5/2014 del 18/06/14

Lettera aperta del Crescendo al designatore Ercole Vescio

  • Scritto da comunicato stampa
  • Categoria: Serie C2/A

logo Crescendologo CrescendoL’A.S.D. Crescendo, in qualità del suo Presidente Emiliano Lauro, in relazione all’ultima stagione agonistica di calcio a 5 serie C2 girone A e in considerazione alla imminente, chiede al designatore arbitrale Signor Ercole VESCIO, il proprio pensiero e lo invita a far si che la classe arbitrale possa avere una maggiore preparazione atletica e professionale, in quanto, alla luce delle designazioni arbitrali e giudicando l’operato dei vari giudici di gara, si è potuto notare un livello troppo mediocre. La mia non vuole essere una polemica o un’accusa gratuita e soprattutto offensiva, ma un motivo di sprono per tutti quei giovani che si avvicinano alla classe arbitrale, soprattutto in considerazione degli enormi sacrifici economici e personali do ogni società sportiva. Non serve alzare un muro, non dare risposte o deviare le domande, non serve farsi coccolare dalla ipocrisia che molti pseudo-dirigenti usano quotidianamente pur di accattivarsi un sorriso di un arbitro, serve tanta collaborazione per far crescere il movimento del Futsal, per migliorare i nostri atleti, per migliorare la categoria dirigenziale, ed i nostri arbitri.

La nostra proposta è quella di coinvolgere gli arbitri durante le sedute di allenamento settimanali delle società presenti sul territorio. Un arbitro residente a Crotone, durante la settimana, potrebbe arbitrare le partite di allenamento delle tre società presenti in città, così come lo si può fare a Cosenza, Catanzaro, Reggio, Vibo, ecc. Un atleta migliora se si allena, lo stesso principio vale per gli arbitri. Aprire al dialogo gli addetti di gara con i rappresentanti delle numerose società, fissare incontri con cadenza bimestrale/trimestrale per capire e discutere sulle problematiche del periodo, comunicare più spesso anche attraverso gruppi di “chat”, proporre e esporre il proprio pensiero. Proprio come si fa tra allenatori e dirigenti al fine di proporre idee per migliorare il movimento. La passione che ci unisce e ci mette molte volte uno contro l’altro è la stessa e si chiama FUTSAL, un pallone deve essere semplicemente uno strumento per costruire non motivo di attrito.

In Fede, Lauro Emiliano

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy