Menu
Editore e Direttore Responsabile: Giuseppe Praticò
Reg. Tribunale di Rc n.5/2014 del 18/06/14

Ludos iperattiva sul mercato

  • Scritto da Mario Albino
  • Categoria: Serie C2/B

Fortugno e ModafferiFortugno e ModafferiSempre più caldo, sempre più forte, l'asse costruito in questi anni tra il Presidente Minniti e Roberto Zema. Soprattutto sembra non finire mai: Mastroianni, Praticò, Caracciolo, Toscano, Iracà, Maio, Ubaldini, Panella, Barreca, questi solo alcuni dei tanti giocatori che le due società si sono scambiate negli ultimi anni di Futsal. Oggi è ufficiale l'arrivo in casa neroarancio di Fortugno e Modafferi. Seguiti già da qualche tempo, i due giovani calcettisti nella prossima stagione “attraverseranno” la Vallata del Sant’Agata ed indosseranno la maglia neroarancio. I due ragazzi, che nelle ultime stagioni hanno ottenuto importanti e significativi risultati in campo nazionale nella categoria under 21, arriveranno alla Ludos con la formula del prestito.

Rocco Fortugno. Classe ’96, ruolo di ultimo, Fortugno proviene da un lungo stop a causa di un incidente che lo ha costretto ai box per circa quattro mesi saltando l’intero girone di ritorno. Poche reti al suo attivo anche se il ragazzo ci tiene a ricordare quella realizzata al Botteghelle, contro la Pol. Futura nella gara di andata dello scorso campionato. Ex Fata Morgana è passato al Cataforio nel 2015, dove ha subito disputato il campionato nazionale di under 21, conquistando in poco tempo la fiducia dell’ambiente e conseguentemente la fascia di capitano. La nuova under 19 nazionale e l’infortunio patito nella passata stagione, ha fatto rivedere i piani del Cataforio, che crede moltissimo nel ragazzo che ha ceduto solo in prestito per consentirgli una esperienza in una piazza importante della C2. “Ricomincio motivato in una Società che per me deve essere il trampolino di lancio per il futuro in questo sport” queste le prime battute del neo ultimo neroarancio. “Spero di conquistare la fiducia di Mister Minniti, a cui prometto impegno e tanta forza di volontà per integrarmi sin da subito nella grande famiglia della Ludos Vecchia Miniera”      

Filippo Modafferi. Anche lui classe ’96 ma con un passato più ricco del compagno, Modafferi è un giovane pivot di razza, su cui Minniti ha puntato molto per averlo tra le fila della sua squadra. Filippo ha mosso i primi passi nel calcio a 11 con il San Sperato. Successivamente è passato al Modena ed ancora all'Hintereggio. La parentesi con la squadra del Presidente Pellicanò non è stata molto fortunata per il ragazzo che ha così deciso di entrare nel mondo del calcio a 5, transitando all'Olimpia 2000. Il passaggio nel mondo del Futsal, tra schemi e movimenti continui, non è stato dei più semplici, ma la caparbietà unitamente ad una buona tecnica, hanno portato presto grandi soddisfazioni. Il fallimento dell’Olimpia ha avuto come conseguenza il trasferimento in blocco dei giovani alla Fata Morgana, dove Modafferi disputa il primo campionato nazionale di under 21 e fa il suo esordio in serie B con la prima squadra. Sono anni difficili anche per il blasone Fata che chiude i battenti, consentendo al giovane calcettista di approdare al Cataforio. Nella società del Presidente Sismo, Modafferi si toglie molte soddisfazioni, contribuendo con le sue reti, ha portare la sua squadra negli ultimi due anni, rispettivamente nei quarti di finale (avversari i campioni nazionali in carica del Cogianco) e semifinali (avversari la B&B Orte C5 anch’essi Campioni d’Italia in carica). Come per Fortugno anche per il neo pivot neroarancio, la stagione passata è stata contornata da vari infortuni che lo hanno tenuto spesso lontano dal parquet, nonostante ciò il giovane under ha chiuso l’anno con 23 reti all’attivo. Le prime battute di Modafferi sono rivolte alla sua Società “Voglio ringraziare il Cataforio, allenatori compresi per quello che hanno fatto per me, è grazie al loro aiuto ed a quello dei miei compagni che mi sono stati vicino, che ho potuto recuperare in fretta mettendomi nelle condizioni di affrontare partite importanti, come quelle nel finale di stagione. Ho preso questa scelta di approdare nella famiglia Ludos, che ringrazio per avermi scelto” - continua Modafferi – “perché ho bisogno di ritrovare la continuità e la fame giusta. Vengo la con la convinzione di cacciarmi enormi soddisfazioni con questa maglia, per cui farò di tutto per mettere in difficoltà Mister Minniti, nelle sue scelte”. L’arrivo in prestito dei due calcettisti del Cataforio, non chiude il mercato della Ludos. Trattative già aperte, sono in dirittura di arrivo, per cui altri arrivi importanti saranno annunciati nei prossimi giorni,

Zavettieri LudosZavettieri LudosCome vi avevamo preannunciato in occasione della presentazione dei due giovani under Modafferi e Fortugno, sono ore frenetiche per il mercato della Ludos Vecchia Miniera che vuole chiudere tutte le trattative finora avviate, prima del rompete le righe per qualche giorno di vacanza a cavallo di ferragosto. Trattative importanti e lunghe come quella che il DS Latella ha concluso quest’oggi con Domenico Zavettieri, giocatore appartenente al Futsal Melito, ma negli ultimi due anni in prestito al San Giovannello, con cui la scorsa stagione ha vinto tutto, dal campionato di serie D alla Coppa Calabria C5. Trattativa lunga ed estenuante durata più di un mese, quella che ha dovuto condurre il Direttore Sportivo Latella, per portare alla corte di Mister Minniti il laterale Melitese, fortemente legato alla squadra del Presidente Daniele Romeo. L’ufficialità della mancata iscrizione del San Giovannello al campionato di Serie C2, ha di fatto aperto le porte alla trattativa e sancito il definitivo Si del giocatore che andrà a rinfoltire la rosa neroarancio. Zavettieri, come dicevamo, è un laterale, classe ’93, che non disdegna però, all’occorrenza, anche il ruolo di pivot. Cresciuto nel calcio a 11 con la Calcistica Spinella, passa a 14 anni nella Melitese C5, poi denominata Futsal Melito con cui disputa tutte le trafile giovanili dall’under 18 all’under 21, fino a disputare anche il campionato di Serie B. La fine del C5 a Melito lo ha portato al passaggio al San Giovannello. Con questo ulteriore nuovo innesto in rosa, la squadra può guardare con positività alla prossima stagione. La sua prima dichiarazione da giocatore della Ludos Vecchia Miniera: "Ho accettato la proposta del Direttore Latella, che mi ha tallonato per più di un mese, perché ho sempre visto dall’esterno la Ludos come una grande e bella famiglia, ben organizzata, dove si può fare sport in serenità ma con grande serietà, insieme possiamo puntare ad alti livelli". Zavettieri non vuole però dimenticare le bellissime annate al San Giovannello: “mi dispiace molto per la mancata iscrizione al Campionato di C2 della mia ormai ex Società, che ringrazio tantissimo, dal Presidente Romeo al grande Mister Lo Giudice, senza tralasciare i miei splendidi compagni con cui ho condiviso tantissime gioie e soddisfazioni.” Soddisfazioni che Zavettieri in una battuta fa capire di voler ripetere alla Ludos: “Dopo il terzo posto dello scorso anno, credo che il principale obbiettivo sia quello di migliorarsi”.

Infine una battuta è stata chiesta anche a Mister Minniti che non nasconde tutta la sua soddisfazione per quanto fin qui fatto dalla Società e dal DS Latella: “Voglio ringraziare la Società per il lavoro che sta portando avanti, un’organizzazione capillare in ogni aspetto che non può far altro che farmi e farci lavorare bene. Ieri ho voluto incontrare il Prof. Brancati con cui abbiamo stabilito, le date di inizio preparazione, che sarà anticipata da una serie di test atletici”. In merito a Zavettieri: “è un ragazzo che con la sua tecnica e dinamicità farà divertire il nostro pubblico”    

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy