Offerta Imperdibile     

La Città di Fiore fa l’impresa con la Blingink. Cataforio raggiunto, ma primo da solo

Sorpasso Farmacia Arturi sull’Upim PC5 (bloccato dalla Gallinese) al terzo posto. Sensation e Fantastic Five vincono in trasferta e accorciano sui rossoverdi

10^ GIORNATA SERIE C1

CITTA’ DI FIORE – BLINGINK SOVERATO 4-3
Marcatori: Simari, Barillari (3) (CDF); Lo Riggio (3) (BS)

Blingink Soverato

MAESTRELLI – CATAFORIO 1-1
Marcatori: st 19′ Labate (C), 32′ Spanò (M)
MAESTRELLI: Suraci, Spanò, Condò, Orsolini, Ripepi, Lorenti, Palumbo, Falcone, N. Ferrara. All. Iracà.
CATAFORIO: Calabrese, Imbalzano, Fiore, Cilione, Sarica, Labate, Torino, De Salvo, Scopelliti, G. Ferrara, Barbaro, Casile. All. Quattrone.
ARBITRI: Tino di Lamezia Terme e Bargio di Cosenza.

Gara molto tattica con il Cataforio che cerca di fare la partita, ma la Maestrelli in ripartenza ha, soprattutto nel primo tempo, le occasioni migliori sventate dall’ottimo portiere del Cataforio salvato in un’ occasione dal palo. Nella ripresa continua a fare la partita il Cataforio con la Maestrelli che ha qualche difficoltà a ripartire ed a circa 10 minuti dal termine arriva il vantaggio ospite. Maestrelli che a questo punto si schiera col portiere di movimento e dopo aver fallito 3 nitide occasioni riesce a pareggiare con Spanò proprio allo scadere. (C.T. Maestrelli C/5)

Ultimo appuntamento del 2021 in agrodolce per il Cataforio, che nel gelido pomeriggio del Centro Sportivo Mirabella di Vito, si vede rimontare all’ultimo secondo dalla Maestrelli. Ciò nonostante, la compagine allenata da mister Quattrone si isola in vetta alla classifica, vista la contemporanea sconfitta del Soverato con il Città di Fiore.
PRIMO TEMPO – Freddo, vento, controluce e pochi spazi. È così che si può riassumere la prima frazione di gioco, nella quale le condizioni “extra” non facilitano né l’una né l’altra squadra. Bianconeri senza Giriolo, Martino e Adornato; Iracà deve fare a meno di Praticò e Bagnato. Il Cataforio fa la partita, gira bene il pallone, ma la Maestrelli si difende molto bene e punge di rimessa. Calabrese compie due-tre interventi di rilievo, così come Falcone su Alessio Labate il quale poco dopo chiude troppo il destro spedendo sul fondo. Dall’altra parte c’è il brivido, con Spanò, che coglie il palo, mentre al 25’ Cilione impegna Falcone. Le squadre tornano negli spogliatoi sul parziale di 0-0.
SECONDO TEMPO – Il leitmotiv del derby non cambia neppure nella seconda mezz’ora. Maestrelli attendista che sa occupare benissimo gli spazi e Cataforio che prova a scardinare, guidata dall’impostazione di Sarica, supportato da Cilione e a turno Torino e De Salvo, il tutto orientato a servire il pivot, Labate. Ed è proprio Labate che al 19’ trova la zampata giusta sugli sviluppi di un calcio d’angolo e che porta in vantaggio i bianconeri. Immediata la risposta della Maestrelli: palo dell’ex, Palumbo. A questo punto, giustamente, mister Iracà se la gioca col quinto di movimento. Spanò mette in mezzo per tre volte dove Ripepi va sempre più vicino al bersaglio grosso senza trovarlo; si arriva così al 31’50’’ e Spanò lancia una preghiera: il pallone come in un flipper colpisce due difensori del Cataforio e termina alle spalle del portiere. Tempo di battere da centrocampo che gli arbitri fischiano tre volte, per un 1-1 che alla fine è senza dubbio giusto, ma che giustamente lascia maggiormente scontento il quintetto ospite, ad un passo dalla settima vittoria di fila in campionato.
PROSSIMI APPUNTAMENTI – Concluso il 2021, il 2022 si aprirà con le Final Four di Coppa Italia del prossimo 8 e 9 gennaio (domani i sorteggi per gli incroci delle semifinaliste, ndr); poi si tornerà in campo per l’ultima giornata del girone di andata contro la Reggio SC, al PalaBotteghelle, giorno 15. (Ufficio Stampa Asd Cataforio)


UPIM PC5 – GALLINESE 4-4
Marcatori: Insana, Politanò, De Marzo, Napoli (P); Ferraro, Quattrone, Stuppino, S. Cutrupi (G)

Gallinese

Se un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza e tre indizi fanno una prova allora l’ASD Gallinese è tornata. Le 2 precedenti vittorie erano un segnale, ma la partita giocata oggi dai ragazzi di mister Venanzi è il segnale certo che il periodo di momentaneo appannamento è alle spalle. In casa del PC5 una delle maggiori candidate al successo finale, nessuno fino ad oggi aveva portato via punti, ma a prescindere dallo stesso punto ottenuto è la prestazione ad essere stata di valore. Infatti seppur in vantaggio con Ferraro, il micidiale 1-2 subito a metà primo tempo avrebbe steso chiunque, ed invece Stuppino, che timbra il primo gol dopo il ritorno alla base, fissa il risultato sul 2-2 a fine primo tempo. Nuovamente in vantaggio grazie a Modafferi ad inizio ripresa, a riprova delle grandi qualità la squadra di mister Spanò ci raggiunge prima e sorpassa poi, ma ancora una volta i nostri pareggiano immediatamente con Saverio Cutrupi, resistono a gli assalti portati in situazione di power play e sfiorano il colpaccio all’ultimo istante con Quattrone. Insomma gli ingredienti per un sereno Natale ci sono tutti, ed è quello che l’ASD GALLINESE augura a tutti i tifosi ed appassionati di questo sport.Infine si ringrazia la società Polistenza C5 per l’ospitalità offerta. (ASD Gallinese DL)


REAL ARANGEA – FARMACIA ARTURI DOMENICO SPORT 4-11
Marcatori: Calafiore (2), Cantarella, Basile (RA); Louro, R. Chiappetta (2), Ceraldi (2), G. Chiappetta (3), Chianello, Signorelli (2) (FA)

Un weekend sportivo più nero che giallo quello appena trascorso dal Real Arangea, una sconfitta netta, senza proroghe, merito agli avversari dell’ASD Domenico Sport, squadra solida, attenta e concentrata sull’obbiettivo, un gioco semplice ma efficace, una mentalità che fa benissimo i conti con il massimo campionato regionale di C1 nella quale la maturità e l’esperienza fanno la differenza ancor più della tecnica e della tattica. Il match finisce con un passivo forse troppo duro per i gialli neri, un primo tempo che si chiude sul 2 a 3 per gli ospiti e una ripresa giocata per circa la metà del tempo con il portiere di movimento, porta a questi rischi, ma questa società non vuole avere la cultura degli alibi, non serve trovare giustificazioni e attribuire le sconfitte ad altro che non dipenda da noi, come è giusto invece, chi vince festeggia e chi perde spiega. Da spiegare, o meglio, da ragionare gli argomenti sono tanti, questo gruppo evidenzia problemi di motivazione e di coesione dall’inizio del campionato, e questa società ha fatto e sta facendo di tutto per risolverli, ma siamo ad una svolta delicata del torneo che necessita di provvedimenti urgenti, è il momento di trovare la chiave per infondere motivazioni che siano incidano con tutti e con ciascuno, facendo percepire, a chi ha la capacità di poterlo fare, messaggi di rispetto e sostegno importanti, per ritrovare e mantenere viva la dedizione al lavoro di squadra che comincia dal lunedì e finisce il sabato pomeriggio, serve reagire subito e in modo collettivo per risolvere immediatamente le frustrazioni che lo sport talvolta riserva. C’è una differenza sostanziale da cui partire e in cui il Real Arangea crede, quella tra vincenti e perdenti, i perdenti trovano alibi, i vincenti trovano soluzioni.

Ufficio stampa
Real Arangea


REGGIO S.C. – FANTASTIC FIVE SIDERNO 1-3
Marcatori: Murilo rig. (R); Cremona, Vitale, aut. Gattuso (S)

Fantastic Five Siderno

Non basta il solito cuore, la solita generosità, per la Reggio SC che subisce un’altra sconfitta, la quinta consecutiva. Al PalaBoccioni vince pure la Fantastic Five Siderno per 3-1, rimontando l’iniziale svantaggio.
PRIMO TEMPO – La partenza è tutta di marca locale: pronti, via e sull’asse Murilo-Denardi, la Reggio SC ottiene un calcio di rigore che lo stesso Murilo trasforma. Ancora padroni di casa che premono sull’acceleratore, Chiaia però spedisce sul fondo. Siderno che con pazienza, metro dopo metro, riesce a prendere campo e dopo un doppio intervento di Calabrò, il secondo aiutato dalla traversa, il quintetto jonico trova il pari. Proprio Cremona sfrutta il troppo spazio lasciato dalla difesa di casa, sugli sviluppi di una rimessa laterale, per timbrare l’1-1. Il gol subìto rimette nuovamente a nudo la fragilità di una Reggio SC che paga oltre i propri demeriti, sistematicamente, ogni disattenzione. Siderno allora che può affondare il colpo, Calabrò fa quello che può, ma capitola al 22’ con il gol di Vitale (bello l’assist di suola di Benavoli).
SECONDO TEMPO – La Reggio SC si riversa in attacco nella ripresa, cercando di trovare il pari. Buono l’atteggiamento, buona la volontà di tutti i componenti, ma manca sempre qualcosa in termini di finalizzazione. Squillo in avvio di Murilo con un’azione personale, ma il tiro finisce fuori. Cannizzaro ci mette grinta e impegno, ma anche per lui è un pomeriggio stregato. Al 17’ Dattilo ruba palla a Denardi, Calabrò si supera nuovamente. Al 20’ poi arriva la seconda ammonizione a Murilo che lascia i suoi in inferiorità numerica per due minuti. Altro intervento doppio intervento di Calabrò che tiene in partita i suoi. Nel finale è Chiaia ad avere il pallone del pareggio, mandandolo però alto, e poi prova a vestire i panni dell’assist-man, con Cannizzaro che non ci arriva di un soffio in mezzo all’area. Negli ultimi istanti, sulla rimessa laterale, Cremona lancia lunghissimo per fare scorrere i secondi, Gattuso involontariamente anticipa Canizzaro (portiere di movimento) e di testa insacca nella sua stessa porta il gol del definitivo 3-1 per gli jonici. Cancellare alla svelta questo tremendo finale di 2021: la società è già al lavoro anche per rinforzare l’organico (viste le partenze dei due Sarica e di Stuppino, ndr). Un 2021 che si chiude con un terz’ultimo posto diametralmente opposto rispetto alle ambizioni di inizio stagione. C’è da dare una svolta e c’è da darla subito, ma senza dubbio tornare alla vittoria sarebbe la migliore medicina per curare tutti i mali… (Area Comunicazione Reggio SC)

Si torna a vincere. Dalla trasferta sul campo del Reggio S.C. la FANTASTIC FIVE torna a casa con i 3 punti. Partita che si prevedeva difficile anche per la complicata situazione del club reggino. Ma tre sconfitte consecutivi bruciavano per i ragazzi di mister CRESCIMBINI che cercavano una necessaria rivalsa. Al 1’ sono i padroni di casa a passare in vantaggio su calcio di rigore, ineccepibile, realizzato da MURILLO. I sidernesi tentano di reagire pressando gli avversari nella loro metà campo. Al 4’ CREMONA colpisce l’incrocio dei pali. Sul seguente calcio d’angolo, schema magistrale che libera al tiro centrale proprio lo stesso CREMONA che, questa volta, con un preciso rasoterra di sinistro insaccava alle spalle dell’incolpevole CALABRO’. Ma si gioca per il bottino pieno e continua la pressione a tutto campo. Al 21’ splendida combinazione BENAVOLI-VITALE con il capitano che, di sinistro, trafiggeva CALABRÒ con un millimetrico diagonale sul secondo palo. Si giungeva all’intervallo in vantaggio di un gol. Ma i rosa/nero non potevano certo accontentarsi. La ripresa iniziava con numerosi tentativi di mettere al sicuro il risultato. Ciononostante il punteggio era bloccato. Anche la superiorità numerica, creatasi con il doppio giallo all’indirizzo di MURILLO (probabilmente il migliore in campo della propria formazione), non veniva sfruttata a pieno dai sidernesi. La difesa reggina appariva impenetrabile. Avvicinandosi la fine dell’incontro, i padroni di casa decidevano di provare il portiere di movimento per riequilibrare il match. In vero si rendevano pericolosi in più occasioni. Ma al 31’ era la FANTASTIC a chiudere definitivamente l’incontro con la rete dell’1 a 3. CREMONA lanciava lungo per AVARELLO in area avversaria, GATTUSO, nel tentativo di anticipare l’avversario, di testa deviava la palla nella propria rete. Vittoria importante fondamentale per la classifica, per restare in scia ai primi e mantenere un discreto vantaggio sugli inseguitori. (Fantastic Five Calcio a 5 Siderno)


FUTSAL KROTON – SENSATION PROFUMERIE 2-3
Marcatori: Arcuri F. (FK), Clemente (2) (SP); st Nasso (SP), Migale (FK)

 
SCARPE FUTSAL     
P