C2/B – Pol. Futura, Virtus, Barcollando, forza nove

Steccano Ardore ed Olimpia

Inizio col botto (in tutti i sensi). Ai successi ampi delle favorite Pol. Futura e Virtus si somma la roboante vittoria del Barcollando quella convincente del Città di Vibo e quella prevedibile dell’Elettromega. Le “stecche” arrivano da Reggio Calabria e soprattutto da Ardore.

Paternò Città ViboBarcollando – Vibo C5 9 – 1
Marcatori: 26′ Cataldo, 29′ De Pinto (V), 31′ e 32′ Tallarigo, 34′ e 44′ Chiarella, 49′ Nisticò, 51′ Marullo, 54′ Lasalvia, 57′ Cataldo
Ampia affermazione casalinga del Barcollando che travolge un Vibo evanescente nei secondi 30′. Per un tempo, infatti la squadra ospite gioca alla pari con i locali replicando le altrui azioni offensive. Per sbloccare il risultato occorre attendere il finale di tempo quando Cataldo porta avanti i padroni di casa. De Pinto per il Vibo ristabilisce la parità ma nel recupero Tallarigo mette la freccia del sorpasso. Tutt’altra musica nella ripresa nella quale uno spento Vibo si fa travolgere la carica del Barcollando che alla fine chiude con un ampio punteggio.

Città di Vibo – Ludos vecchia miniera 4 – 3
10′ Grillo (CV), 22′ Paternò (CV), 40′ Policaro (CV), 43′ Assumma (LVM), 46′ R. Vadalà (LVM), 48′ Rositani (LVM), 55′ Policaro (CV)
Il risultato finale non deve ingannare in quanto per la mole di giuoco prodotta il Città diVibo ha ampiamente meritato la vittoria. I ragazzi di mister Lobianco con un magistrale primo tempo arginano i quotati avversari imponendo loro il doppio vantaggio. Nella seconda frazione la terza marcatura realizzata da Policaro sembra scrivere la parola fine al match. I padroni di casa si rilassano e complice evitali errori difensivi vengono rimontati dagli esperti giocatori avversari. La divisione della posta sembra incombere ma, i vibonesi si sentono defraudati e con un esaltante pressing finale concretizzano la meritata rete del 4 a 3.

Elettromega Polistena – La Cascina 8 – 6
Marcatori: Ferraro (EM), Scali (LC), Taverna 2 (EM), Scali (LC), Origlia (LC), Ferraro (EM), Origlia (LC), Stilo (LC), Quaranta 2 (EM), Taverna (EM), Stilo (LC), Taverna (EM).
Inizio di partita sotto un caldo di estate… con i padroni di casa che dominano per quasi tutto il primo tempo andando in vantaggio sul 3 a 1 facendosi raggiungere sul pari negli ultimi secondi su due dormite colossali. Inizio del secondo tempo di marca ospite che passa in vantaggio ma poi due perle di Quaranta riportano in vantaggio i locali La Cascina non molla e dopo ma 2′ minuti pareggia il conto. Assalto finale dei padroni di casa che riescono a segnare altre due reti aggiudicandosi il match

Panuzzo Andrea ArdoreArdore – Bulldog 1 – 3
Marcatori: 5′ Cimato (B), 52′ D. Cremona (A), 54′ Muscaglione (B), 59′ Cimato (V)
La prima partita dell’Ardore si pensava fosse difficile ma non così. Con tutto il rispetto per il Bulldog Vibo che hanno fatto la loro onesta partita contro una squadra tecnicamente più forte come la Futsal Ardore. Partita che vede il Vibo difendersi per 63′ minuti ma vincere la partita per 1-3. In modo inaspettato passa avanti il Bulldog dopo 5′ con Cimato che segna con il portiere dell’Ardore a terra, solo il signor Zinzi di Catanzaro poteva non segnalare. Nell’occasione è stato espulso anche mister Crescimbini che era entrato in campo per soccorrere il suo giocatore colpito alla testa.
Per i restanti 25′ monologo ardorese che prova a pareggiare in tutti i modi ma sbaglia anche un tiro libero con Caligiuri. Nel secondo tempo ancora Ardore in attacco che dopo 7′ si vede chiamati sei falli contro con relativo tiro libero per gli ospiti che viene ben parato da Panuzzo tenendo a galla i suoi. Al 13′ ammonito Palumbo per proteste, infatti in questa azione viene chiamato fallo e tiro libero per una presunta carica al portiere ospite da parte di Campisi, anche se ci fosse stato fallo sarebbe indiretto quindi non tiro libero. Si presenta dal dischetto Muscaglione ma ancora Panuzzo para. Al 22′ assalto dei Padroni di casa, Cremona D. su assist di Panuzzo trafigge Barbagallo siglando 1-1. Ora i numerosi tifosi si aspettano la meritata rete del vantaggio ardorese ma il direttore di gara dopo 1′ dal pareggio assegna un dubbio ed inatteso rigore agli ospiti, tanto è vero che stavano per battere il corner… Questa volta Panuzzo non può nulla 1-2. Mister Mallamo che ha preso le redini da mister chiama il time out nel corso del quale anche lui viene espulso per motivi da chiarire in quanto discuteva coi suoi giocatori. Blandino FabioAl 28′ Palumbo ruba palla salta il portiere ospite che lo mette a terra espulsione per Barbagallo ma qui il sig. arbitro da il meglio di se riportando le testuali parole: Non devono giocare in inferiorità numerica perché ad essere espulso è stato il portiere. Proteste veementi di tutti giocatori, dirigenti e tifosi ma solo dopo l’intervento dello sportivo allenatore Blandino Paolo il direttore si convince che forse i giocatori dell’Ardore hanno ragione. Nel finale Cimato sigla il 3-1 per il Vibo. Prima di campionato finita con una sconfitta casalinga per il Futsal Ardore, queste le parole del suo presidente Teotino: partita decisa dal primo gol subito su netto fallo al nostro portiere, mister espulso solo per essersi preoccupato del suo stato di salute questo già direbbe tutto ma non voglio togliere merito al Vibo squadra quadrata e ben organizzata che sicuramente dirà la sua in questo girone, noi non siamo stati all’ altezza del compito. Se noi dobbiamo rivedere il nostro gioco sul campo il signor Zinzi forse dovrebbe rivedere il regolamento…detto questo è solo la prima partita, noi guardiamo avanti e faremo tesoro di questa sconfitta per non ripetere più certi errori. Complimenti ancora al Vibo per la bella vittoria, speriamo solo di essere diretti da arbitri competenti in quanto ci sentiamo molto penalizzati.

Olimpia 2000 – Bova Marina 3 – 3
Marcatori: 12′ Spanò (O), 15′ e 18′ Zamuner (O), 30′ Panagia (BM), 40′ Marino 89 (BM), 55′ A. Zirilli (BM)
L’Olimpia non riesce a vincere la prima partita di questo campionato contro la neopromossa Bova Marina. Caldo estivo all’Hinterreggio village , con l’Olimpia che da subito tenta di far sua la partita, tante, tantissime le occasioni per la squadra di casa sventate dal portiere ospite (il migliore in campo in assoluto), fino al minuto 12′ quando un tiro di Vitale viene respinto dal portiere ospite, che pero’ mette su piedi di Spano’, che prima si fa respingere nuovamente il tiro, e poi insacca per l’1-0. Non passano nemmeno 3′ e l’Olimpia segna ancora con Zamuner, che trasforma di forza un calcio di punizione dal limite per il 2-0. Partita a senso unico con l’Olimpia a dominare il campo e l’estremo difensore ospite a salvare il risultato su Zamuner, Ferrato e Vitale. Ma al 18′ arriva anche il 3-0 ad opera ancora di Zamuner, che riceve un assist sul dischetto del rigore e mette la palla all’incrocio. Il primo tempo scorre via con l’Olimpia sempre a creare occasioni ma senza finalizzarle, e cosi come spesso accade, all’ultimo,minuto utile, il Bova recupera palla a metà campo e il n ° 10 ospite accorcia le distanze in contropiede, proprio sul fischio finale e si va al riposo sul 3-1. Nella ripresa l’Olimpia cerca di controllare la partita e ci riesce bene, sfiorando piu’ volte il gol del 4-1, ma al 40′ su una rimessa laterale, un tiro senza pretese della squadra ospite, viene deviato da Zamuner, che spiazza completamente il suo portiere per il 3-2. Il Bova prende coraggio dal gol, ma l’Olimpia ancora una volta sbatte contro il portiere ospite, che salva piu volte il risultato in maniera incredibile. Al minuto 55′ arriva la beffa per l’Olimpia, è la squadra ospite che manovra lentamente il pallone, senza trovare spazi, ma ancora una volta, un tiro centrale da 12 metri , viene deviato irreparabilmente dallo sfortunato Zamuner che regala il 3-3 agli ospiti. Negli ultimi 5′ succede di tutto, l’Olimpia crea almeno 6 palle gol nitide, tutte sventate da un estremo difensore in giornata di grazia, fino all’ultima palla utile al 62′, quando Ferrato serve Vitale a centro area, il portiere manca il pallone, Vitale calcia in porta trovando la parata (evidentissima) di un giocatore ospite, che il Sig. Polistena di Vibo non vede, e nega la vittoria ai padroni di casa , che viste le occasioni sarebbe stata più che giusta, tra le proteste generali di giocatori e pubblico presente, finisce cosi

rappocciolo daniele iStefanaconi – Pol. Futura 2 – 9
Marcatori: 2′ Votano, 5′ Votano, 13′ Rappocciolo, 16′ Votano, 35′ Logiudice, Votano, Votano, Logiudice, 50′ Isaia (S), 55′ Mandarano (S), 57′ Chilà
Inizia male l’avventura dei leoni giallorossi dello Stefanaconi calcio a cinque nella serie C2 stagione agonistica 2013-2014. Gli uomini di Mister Maccarrone cedono al cospetto dell’ottima Polisportiva Futura al termine di una gara che ha visto i fortissimi ospiti sempre in vantaggio ed a tratti devastanti. Il punteggio di 2-9, seppur eccessivamente largo, premia la squadra migliore e che per almeno tre quarti di gara ha dominato in lungo e largo. Mister Maccarrone schiera Marcello, Defina (vc), Isaia, Gugliotta e Mandarano (c). In panca Chiarella, Gioghà, Pondaco, Lacroce, Mastrantuoni, Cullia e Santacaterina. Partono forte gli uomini di Mister Alfarano e su una disattenzione difensiva di Isaia che cerca di anticipare Votano, passano in vantaggio con un gran destro del pivot reggino. Da li a poco i terribili ragazzi reggini raddoppiano su autorete di Isaia e triplicano ancora con Votano, per chiudere il quadro delprimo tempo con Rappocciolo. I reggini sono a tratti spumeggianti e seguono binari ben definiti di gioco, anche se concedono non poche occasioni ai giallorossi nelle quali il loro estremo difensore ben figura. Soprattutto sul tre a zero Manadarano fallisce clamorosamente due occasioni ed in ripartenza i giallorossi subiscono parecchio, ma arginano con alcuni bei recuperi di Marcello e Isaia. I leoni di Stefanaconi mostrano però il loro lato peggiore, nervosi compassati subiscono oltre la dovuta misura un avversario col quale appena sei mesi prima in semifinale di coppa Calabria non avevano demeritato e giocato quasi alla pari. Va detto che comunque la Polisportiva Futura, compagine creata per vincere agevolmente il campionato ha dimostrato, seppur priva di alcuni uomini chiave, tutto il proprio valore. Il secondo tempo vede i giallorossi più sereni ed autorevoli, giocarsi per almeno i tredici minuti finali la partita alla pari con azioni finalmente manovrate e coraggiose e mister Maccarrone premia il costante impegno in allenamento di uomini che in allenamento hanno sempre dato il massimo e giocato oltre i loro limiti. Giungono tre reti della Polisportiva Futura con Votano, Lo Giudice e Chilà ed arriva la rete di Isaia ad accorciare il passivo. Mandarano raddoppia. Sul 2-7 mister Maccarrone da ancora maggiore spazio ai nuovi arrivati Mastrantuoni ed allo juniores Santacaterina. Le due ultime reti reggine servono solo ad aumentare il rammarico per quello che sarebbe potuto essere e non è stato. Bellissimo il post partita. Lo Stefanaconi calcio a cinque, difatti, ha deciso di inaugurare il terzo tempo a cura dell’Imperial Cafè di Vibo Valentia. I giocatori reggini ed i leoni giallorossi, al termine della partita, hanno gustato assieme lo spuntino offerto dalla società del piccolo paese vibonese, a testimonianza che questa è un realtà sana e composta da dirigenti che vedono lontano. Il Sig. Scalise, titolare dell’Imperial Cafè, ha servito un ottimo aperitivo, che ha rasserenato gli animi soprattutto dei padroni di casa, delusi per il risultato ma forti della nuova amicizia instaurata con gli uomini del presidente Mallamaci.

fazzari g  virtusVirtus – Polistena C5 9 – 4
Marcatori: 1′, 6′ e 10′ D. Fazzari, 13′ Oliva (P), 20′ Cannizzaro, 29′ Valenzise, 37′ Galati (P), 38′ Trimarchi, 41′ G, Fazzari, 45′ Galati (P), 48′ e 53′ D. Fazzari, 60′ Burzomi (P)
Inizio si stagione travolgente per la Virtus che, palesando le proprie intenzioni da protagonista dilaga contro un Polistena poco concreto. La squadra di casa ipoteca la vittoria sin dal primo tempo archiviandolo sul4 a 0. Nella seconda frazione l’ispirato D. Fazzari trascina i compagni verso una vittoria mai messa in dubbio