Soverato, finisce l’avventura

Non riesce al Soverato l'impresa di ribaltare la cocente sconfitta interna

 

Tuttavia malgrado i negativi risultati nelle fila dei calabresi c’è la sensazione di avere sprecato una importante occasione contro avversari sicuramente bene organizzati ma, per nulla trascendentali. Castan CristianIl Soverato aveva fatto la frittata nel match casalingo e sperare di compiere un piccolo miracolo sportivo in terra sicula senza l’apporto di due pedine fondamentali quali Rotella e Lanciano era francamente poco ipotizzabile. Comunque sia il Presidente Agostino Santise ha parole d’elogio verso i suoi tesserati che, hanno raggiunto risultati aldilà di ogni più rosea previsione. Questa appena conclusasi –conclude Santise- è stata una stagione eccezionale ricca di soddisfazioni. Torniamo a casa consapevoli di avere vissuto esperienze positive per cui, di seguito valuteremo quali potrebbero essere i futuri obiettivi. La cronaca della gara vede da subito attivo il Soverato che, con sagacia tattica prende in mano le redini del giuoco sfiorando la marcatura con Castanò e Pastori.pastori soverato In questo primo frangente il S. Isidoro resta alla finestra rendendosi pericoloso solo su di una ripartenza sventata dal portiere Panetta. Nella seconda frazione i nostri rappresentati regionali, si schierano quasi subito con il portiere di movimento e dopo avere fallito due ghiotte occasioni per passare in vantaggio in particolare con Castanò a tu per tu con il portiere al 45′ dagli sviluppi di un fallo laterale, Puleo sblocca il risultato a favore della squadra di casa. Il Soverato prova a replicare alternando il portiere di movimento ma, di rimessa ad opera di Speciale subisce il raddoppio. L’incontro finisce qui nonostante i calabresi si spingano in avanti alla ricerca della rete della bandiera. Al 57′ su fortunoso rimpallo Di Salvo chiude l’incontro castigando in maniera eccessiva i generosi avversari.

FINALE INTERREGIONALE (ritorno)
S. ISIDORO – SOVERATO 3 – 0 (and. 5 – 3)