Poker servito, il Fabrizio prende Vieira

Il Fabrizio colpisce ancora

Spread the love

Alla fine il Fabrizio riesce ad ingaggiare Arlan Pablo Vieira in arte Japa, alaArlan Pablo Vieira pivot italo-brasiliano classe 1990, che dopo una lunghissima e molto complicata trattativa, sposa il progetto della società della famiglia Olivieri-Santella. L’ex giocatore del Vicenza dopo una straordinaria stagione, culminata con la vittoria del campionato di serie A2 e 31 reti segnate, era conteso da molte squadre, ma alla fine ha optato per la società ausonica. Queste le prime parole da neo bianconero del giovane bomber che ha scelto la maglia numero 12: “ho preferito il Fabrizio perché mi è piaciuto molto il progetto e soprattutto per la serietà e l’attaccamento dimostrato da Giuseppe Madeo, che da subito mi ha chiamato quasi tutti i giorni, per convincermi a venire nella sua squadra. So che troverò un bel gruppo in cui ci saranno anche i miei amici Marcelinho e Siviero, con i quali viaggerò per arrivare a Corigliano il 20 agosto“. Il verdeoro prosegue spendendo due parole sulla nuova stagione: “so che dovremo lavorare molto per raggiungere risultati importanti, ma credo nelle mie capacità e nella qualità della squadra, che guidata da un allenatore preparato come mister Ceppi, dirà la sua in questo torneo. Mando un saluto ai miei nuovi tifosi……forza Fabrizio”. Anche in questa trattativa determinate è stato l’intervento del consulente di mercato Gaetano Pagano. I massimi dirigenti del Fabrizio ringraziano pubblicamente quelli del Policoro, che pur essendo direttamente interessati al giocatore, hanno permesso di concludere la trattativa senza ostacolarne l’operazione. Un ringraziamento va anche al presidente del Mirto Luigi Salvino, per la mediazione. Il Roster dei coriglianesi potrebbe essere completo, ma indiscrezioni parlano di altri tre giocatori in arrivo, di cui due stranieri. Al momento la rosa è composta da: Martino, Vangieri, De Luca, Marcelinho, Morrone, Siviero, Schiavelli, Bachega, Vieira, Dentini, Caravetta, Berardi, Molinaro. All. Ceppi

Scritto da: Redazione