Coppa Italia di B: vince il Belvedere, ko il Catanzaro

Sorrisi a metà nei preliminari di Coppa Italia

Pereira Adelmo  Belvedere – Acquedotto 8-5
Marcatori: 3 Pereira (B), 2 Pato(B), 2 Grumiche (B), Juninho (B), 3 Chilelli D. (A), Cittadini (A), Escosyeguy (A)

Goal e spettacolo a Belvedere. La squadra di Cipolla scende in campo col piglio giusto e cala il poker in dieci minuti. Il buon inizio viene vanificato a causa dei tre minuti di follia dove l’Acquedotto risale la china e trova ben quattro reti raggiungendo cosi il pareggio. L’avvio di ripresa è favoreale agli amaranto che trovano la quinta rete con Pereira. Nonostante l’espulsione di Pato per doppia ammonizione, il Belvedere tiene botta, ma nulla può nel momento in cui è costrtto a difendere nuovamente in inferiorità numerica a causa dell’allontanamento di Juninho. Grazie all’apporto di tutti i giocatori a disposizione di coach Cipolla, il Belvedere alza nuovamente il ritmo e rifila un parziale di 3-0 ai romani che cercano di ribaltare il risultato, ma i calabresi tengono botta fino alla fine.  Unica nota stonata, l’espulsione di Pato e Juninho che non potranno prendere parte alla gara decisiva contro il Policoro di Angelo Creaco, vecchia conoscenza del futsal calabrese. Il Belvedere lamenta un arbitraggio non all’altezza della situazione.

Ferraro AlessandroPartenope – Catanzaro 3-1
Marcatori: Ferraro (C), Torelli (P), Aut. Bruno (P), Imparato (P)

Il Catanzaro calcio a 5 esce sconfitta dalla gara in terra napoletana. Ferraro e soci hanno giocato un ottimo calcio a 5 contro una squadra sulla carta superiore. I giallorossi sono stati penalizzati in più occasioni, soprattutto quando Frangipane a tu per tu col portiere avversario viene atterrato dall’estremo difensore locale che nello stupore di tutti i presenti al palazzetto viene solamente ammonito. L’azione successiva punisce il Catanzaro che subisce la seconda rete. A questo punto Lombardo gioca la carta del portiere di movimento, ma a tre secondi dal termine, Imparato firma la terza rete dei napoletani.

 

Scritto da: Redazione