Brutto passo falso per l’Atletico, al Catanzaro il derby col Melito

Si è giocata l'11a giornata della Serie B - in foto il Catanzaro 

Spread the love

 

Atletico Belvedere – Virtus Rutigliano 4 – 5
Marcatori: 2 Scigliano (A), Iozzino (A), Juninho (A), 3 Rotondo (R), Vavalle (R), Dell’Olio (R)

SciglianoBrutto passo falso dell’Atletico Belvedere, che viene sconfitto sul proprio terreno di gioco dal Virtus Rutigliano con il risultato di 4 – 5. Sconfitta pesante per la squadra calabrese che dopo essersi presa la testa della classifica nel recupero infrasettimanale contro il Kroton, la perde nuovamente oggi, vedendosi scavalcare in classifica dal Città di Villafranca (che ha espugnato, seppur a fatica, il campo della Fata Morgana).
Parte subito forte l’Atletico che chiude nella propria metà campo il Virtus Rutigliano che al 6′ capitola per effetto della rete di Iozzino. Sembra il preludio di un’altra giornata di gloria per i calabresi, che nei minuti successivi mettono alle corde la squadra ospite, che riesce però a minimizzare i danni non concedendo altre reti alla squadra di mister Cipolla. Ed è così che arriva la beffa quando un tiro dai quindici metri subisce una doppia deviazione e si insacca alle spalle dell’estremo difensore locale per la rete che vale l’1 – 1. Il proseguio del primo tempo è un alternarsi di occasioni da una parte e dall’altra, ma il risultato rimane in equilibrio fino alla pausa.
Al rientro dagli spogliatoi l’Atletico Belvedere parte determinato a ritrovare la rete del vantaggio e schiaccia nuovamente i pugliesi, che resistono anche con un pò di fortuna, aiutati in due occasioni dalla traversa che dice di no ai padroni di casa. Ancora una volta, nel momento di maggiore pressione dell’Atletico arriva invece la rete del Rutigliano, grazie ad una spizzata di testa di Rotondo, che ribalta il parziale portandolo sull’1 – 2. I calabresi accusano il colpo e qualche minuto dopo subiscono anche il tris. Cipolla a questo punto tenta il tutto per tutto giocando la carta del portiere di movimento, ma arriva subito un’altra rete dei pugliesi a tagliare le gambe alle intenzioni di rimonta dell’Atletico. La squadra di casa però non si dà per vinta e, dopo un botta e risposta che porta il parziale sul 2 – 4, continua a premere trovando due reti, con Scigliano e Juninho che rimettono il risultato in discussione. Nell’assalto finale l’Atletico ha anche l’occasione del pari, ma proprio all’ultimo secondo Scigliano arriva con un attimo di ritardo sul secondo palo e non riesce ad insaccare. I calabresi devono così arrendersi 4 – 5 al Virtus Rutigliano e fermano a cinque la loro serie di vittorie consecutive.

Catanzaro – Futsal Melito  4 – 2
Marcatori: Giampà (C), Ferraro (C), De Mello (C), Bruno (C), Labate (M), Modafferi (M)

Bruno LidoIl Catanzaro si aggiudica in rimonta per 4 – 2 l’unico derby calabrese di giornata contro il Futsal Melito, consolidando così il proprio terzo posto e riavvicinandosi alle prime due della classe. 
Le due squadre si temono e ciò è confermato dal tatticismo che regna durante la prima frazione, in cui nessuna delle due squadre riesce a prendere il sopravvento sull’altra inizialmente. Attorno al decimo minuto un botta e risposta firmato Labate (per gli ospiti) – Giampà (per il Catanzaro), sembra animare la partita, ma è un fuoco di paglia, perché le occasioni continuano a latitare e si va al riposo sul risultato di 1 – 1. 
La seconda frazione prosegue sulla falsa riga della prima, con un equilibrio che regna sovrano e che non consente a nessuna delle due squadre di sbloccarsi dalla parità. La scintilla che accende il match arriva al 16′ ed è firmata da Ferraro, che porta in vantaggio il Catanzaro. Il Futsal Melito prova a reagire ed a due minuti dal termine gioca la carta del portiere di movimento, ma la squadra di mister Franco viene subito punita da una palla persa a centrocampo, che consente a De Mello di portare i suoi sul 3 – 1. Le emozioni che non si erano viste fino a pochi minuti dal termine si condensano tutte in questo finale e la partita si riaccende a meno di un minuto dal termine, quando Modafferi sigla il 3 – 2 che può riaprire i giochi. Gli ospiti si riversano tutti nella metà campo avversaria, ma è quì che Lido Bruno inventa un goal da cineteca, stoppando la palla spalle alla porta all’altezza del centrocampo e inventando in rovesciata un fantastico tiro che si insacca all’incrocio per il 4 – 2 che chiude definitivamente i giochi.

 Putignano – Kroton  3 – 3
Marcatori: Macrillò (K), Tricoli (K), Gerace (K), 2 Eclesis, Schiavone

Macrill KrotonIl Kroton dimostra il suo buon periodo di forma ottenendo un buon punto sul campo di una compagine da zona play off contro il Putignano. La squadra di mister De Santis, infatti, ha disputato una buona partita, andando in vantaggio per ben tre volte, ma è stata raggiunta in altrettante occasioni, l’ultima delle quali ad un minuto dal termine. Con il pareggio odierno, comunque, i pitagorici allungano il loro vantaggio sul duetto di coda formato da Mirto e Fata Morgana.
Come detto in apertura, il Kroton gioca bene, arginando i tentativi dei padroni di casa e provando a creare qualche grattacapo alla difesa locale in più di un’occasione. La buona lena dei calabresi porta alla rete del vantaggio, siglata da Macrillò direttamente su calcio di punizione. La reazione del Putignano arriva, ma il Kroton è bravo a mantenere il vantaggio ed a portarlo fino al rientro negli spogliatoi.
Nella ripresa dopo soli tre minuti arriva il pareggio del Putignano, che però viene nuovamente rispedito a distanza dalla rete di Tricoli. Il botta e risposta ancora non finisce ed è ancora la compagine pugliese a trovare la via della rete. Il Kroton però dimostra il suo ottimo stato di forma, fisico, ma soprattutto mentale, riuscendo ancora una volta a portarsi in vantaggio, in questa circostanza con Gerace. I padroni di casa non ci stanno e giocano la carta del portiere di movimento, che proprio ad un minuto dal termine frutta il goal del pareggio che fissa il risultato sul 3 – 3 finale.

Fata Morgana – Città di Villafranca  3 – 4
Marcatori: Campolo (F), Martino (F), Oliva (F), 2 Ferreira (V), 2 Di Trapani (V)

Campolo GiovanniLa Fata Morgana esce sconfitta, ma a testa altissima, dallo scontro testa-coda odierno contro il Città di Villafranca, che riesce a imporsi per 3 – 4 grazie ad una rimonta arrivata negli ultimi dieci minuti.
Come spesso accade, il Città di Villafranca parte subito con il quinto uomo e l’aggressività degli ospiti viene premiata immediatamente dalla rete di Ferreira, che sembra mettere in discesa la gara per la squadra di mister Rinaldi. La Fata Morgana però tira fuori una reazione di grande carattere, che porta alla meritata rete del pareggio firmata da Campolo. Gli ospiti provano a riportarsi in vantaggio, ma il muro dei calabresi regge. I padroni di casa però non si limitano a guardare e quando possono provano a far male, cosa che accade quando D’Agostino insacca, poco prima del riposo, la rete che vale il 2 – 1.
Nella ripresa il copione non cambia, con il Città di Villafranca che fa la partita alla ricerca della rimonta e la Fata Morgana che non sta a guardare e prova a far male come accaduto nella prima frazione. Gli ospiti capitolano ancora una volta quando Oliva trova la via del 3 – 1. Il Città di Villafranca alza i ritmi e trascinata dalle reti di Ferreira e Di Trapani riesce a riportare la situazione in parità. La spinta non si placa e proprio a venti secondo dalla fine arriva la rete che sa di beffa per la Fata Morgana, siglata da Di Trapani, che completa la rimonta del Città di Villafranca e fissa il punteggio su un 3 – 4 finale che lascia l’amaro in bocca ai calabresi per la rimonta subita, ma sicuramente oggi i 27 punti che separano le due squadre in graduatoria non si sono visti.

Sammichele – Mirto  7 – 4
Marcatori: 3 Zerbini (S), D’Aprile (S), Giuliani (S), Giotta (S), Lo Schiavone (S), 2 Biasi (M), Scigliano (M), Pace (M)

Il Mirto esce sconfitto dal campo del Sammichele per 7 – 4, mostrando tuttavia un piglio sicuramente diverso rispetto alle ultime uscite e non sfigurando contro una formazione che naviga in acque più sicure.
Il copione della partita sembra chiaro sin dalle prime battute, con il Sammichele che tiene in mano il pallino del gioco e prova a far cadere il castello difensivo del Mirto, e gli ospiti pronti a ripartire e far male in contropiede. Dopo pochi minuti i pugliesi riescono però già a sbloccare la partita, grazie alla rete del solito Zerbini. La reazione dei calabresi è immediata, con Biasi che va a riequilibrare immediatamente i conti. Il Sammichele ricomincia a premere sull’acceleratore e trova un micidiale uno-due nel giro di un paio di minuti che porta il parziale sul 3 – 1. Il Mirto però oggi è tutt’altra squadra rispetto alle ultime uscite e reagisce ancora di carattere, trovando dapprima la rete del 3 – 2 con Pace e, successivamente, il pareggio in occasione di un contropiede finalizzato da Biasi. La pressione della squadra pugliese torna ad essere asfissiante e produce i suoi frutti a pochi minuti dal termine, quando ancora un tremendo uno-due riporta il Mirto sotto di due reti.
In avvio di ripresa i padroni di casa provano ad abbassare il ritmo del gioco, concedendosi un pò più di possesso palla ed evitando le micidiali ripartenze dei calabresi che nel primo tempo erano state fatali. Il Sammichele trova poi ancora una volta la via della rete, portandosi avanti di tre goal, ma la risposta del Mirto è immediata con Scigliano che ristabilisce le distanze. I pugliesi sono però ancora una volta bravi a trovare la via del goal con Lo Schiavone che riporta a tre le reti di vantaggio in favore dei suoi. Nel finale gli ospiti provano la carta del portiere di movimento, ma prima il portiere locale, poi la traversa, dicono di no a Pace nel suo tentativo di riaprire i conti. Match che dunque si chiude sul risultato di 7 – 4.

Sant’Isidoro – Azzurri Conversano  5 – 5
Marcatori: 2 Cascino (S), Puleo (S), Pisciotta (S), Centineo (S)