B – Goleade di Belvedere e Mirto, il Catanzaro espugna Crotone

Si è giocata la 1a giornata della Serie B - in foto il Catanzaro

 

Futsal Melito – Atletico Belvedere 1 – 6
Marcatori: Labate (M), 2 Adelmo Pereira (B), 2 Juninho (B), Spinelli (B), Iozzino (B)

Atletico BelvedereL’Atletico Belvedere mostra tutto il suo potenziale e dà un segnale forte alle altre pretendenti, imponendosi con un roboante 1 – 6 sul campo del Futsal Melito, al termine di una partita equilibrata, che ha visto però la squadra di mister Cipolla mostrare più cinismo ed un’ottima lettura delle fasi più delicate della gara. Padroni di casa che, non vuole essere un alibi, hanno pagato l’essersi allenati sull’erba sintetica e l’aver potuto sostenere solo pochi allenamenti sul parquet fino ad ora.
Primo tempo che vede l’Atletico Belvedere mettere subito la partita in discesa con due reti di Adelmo Pereira che lo portano all’intervallo avanti 0 – 2. Alla ripresa delle “ostilità” è ancora la squadra di mister Cipolla a destreggiarsi meglio e ad andare in rete per la terza volta. Gli uomini di Franco, puniti un pò troppo dal punteggio, dimostrano di non demeritare e trovano la rete dell’1 – 3 con Labate. Qualche minuto dopo i padroni di casa avrebbero la palla per accorciare ulteriormente le distanze e rimettere definitivamente in bilico il risultato, ma la sciupano malamente. Come recita il vecchio adagio “gol mangiato, gol subito”, ed infatti dopo qualche minuto arriva la rete dell’1 – 4 che spezza ogni velleità di rimonta da parte del Futsal Melito. I locali provano comunque a giocare la carta del portiere di movimento, sfiorando la seconda rete, ma è ancora l’Atletico Belvedere a far valere il suo cinismo ed a colpire altre due volte, prima con il giovane classe 1992 Spinelli, che bagna il suo esordio in serie B con una segnatura, e poi con Iozzino che fissa il punteggio sull’1 – 6 finale.

Kroton – Catanzaro 0 – 2
Marcatori: Lido Bruno, Ferraro

Bruno lidoIl Catanzaro espugna il campo del Kroton per 0 – 2, aggiudicandosi il derby grazie alle reti di Lido Bruno e di Ferraro e porta così a casa i primi tre punti del suo campionato. Kroton che, comunque, può ritenersi soddisfatto del suo esordio in serie B per quanto riguarda il gioco espresso e l’aver tenuto testa ad una compagine del calibro del Catanzaro.L’avvio di gara vede il Catanzaro tenere il pallino del gioco in mano, mentre il Kroton si difende bene, concedendo poco agli ospiti e ripartendo quando ne ha la possibilità, ma trovando sempre di fronte a sè un superbo Gervasi a dire di no. La squadra di mister Lombardo riesce comunque a sbloccare il risultato grazie ad uno schema su calcio di punizione che porta alla rete di Lido Bruno. La prima frazione non regala altri spunti degni di nota, tranne per lo sfortunato infortunio occorso a De Mello, costretto ad abbandonare il terreno di gioco. Si va al riposo sul risultato di 0 – 1.
Nella ripresa il copione non cambia, il Catanzaro nonostante il vantaggio continua ad avere il pallino del gioco in mano, ed il Kroton prova a fare male in ripartenza o quando le maglie catanzaresi sembrano aprirsi. E’ ancora la squadra ospite però a trovare il varco giusto ed a raddoppiare, questa volta andando in rete con Ferraro, che mette a segno lo 0 – 2 che, di fatto, mette un punto esclamativo sulla partita, dato che nei restanti minuti il Catanzaro gestisce bene il risultato, senza concedere particolari occasioni alla squadra di De Santis, alla quale va comunque l’onore delle armi.

Mirto – Fata Morgana 9 – 3
Marcatori: 4 Scervino (M), 2 Cretella (M), Russo (M), Manes (M), Biasi (M), 3 Campolo (F)

Il Mirto si impone con un roboante 9 – 3 all’esordio stagionale tra le mura amiche contro la Fata Morgana, forse punita un pò troppo oltre i suoi demeriti dal risultato finale.
Prima frazione che si apre con le due squadre entrambe votate alla ricerca del goal che sblocchi l’equilibrio. Il primo allungo è da parte del Mirto, che riesce con una doppietta di Scervino a portarsi sul 2 – 0. Sotto di due reti la Fata Morgana prova a reagire, ma è anche sfortunata nel centrare i legni a portiere locale battuto. Dopo aver contenuto bene la sfuriata degli ospiti, i padroni di casa tornano a fare male, mettendo a segno anche la rete del 3 – 0. La Fata Morgana prova a rientrare in partita con la rete di Campolo, ma prima della pausa è ancora una volta la squadra di Benenati ad andare in rete ed a portarsi al riposo avanti 4 – 1.
In avvio di ripresa il copione non cambia, con il Mirto che riesce ad arginare il forcing ospite alla perfezione ed è sempre molto cinico in fase realizzativa, mettendo a segno anche la rete del 5 – 1. Gli ospiti continuano a non demeritare e vengono giustamente premiati da due reti, siglate entrambe ancora da Campolo, che porta il parziale sul 5 – 3 e sembra poter riaprire la partita. I padroni di casa però non subiscono la pressione psicologica del ritorno di fiamma della Fata Morgana e, trascinati dalla grande giornata di Scervino (autore di un poker), riescono a mettere il punto esclamativo sulla partita, con altre quattro reti che fissano il punteggio sul 9 – 3 finale.