Cosenza in A2 con largo anticipo

I lupi approdano nella seconda serie nazionale dopo una spettacolare cavalcata

Ennesima vittoria in terra siciliana e strameritata promozione in serie A2. Perfetta la squadra di Chiappetta, finora stoppata in una sola occasione dal Lamezia, per il resto un filotto di vittorie che ha permesso loro di tagliare l’ambito traguardo con 4 giornate di anticipo. Da parte della redazione di Calabriafutsal.it complimenti alla società del presidente Fuoco.

Il Bovalino vince ancora ed ha praticamente blindato il secondo posto nel torneo. Nell’ultimo periodo la squadra di Venanzi, non conosce ostacoli, fattore questo che la porta ad essere favorita nei play off. Ottimo anche il Lamezia, che doma in casa il Mascalucia. Sconfitta inaspettata per la Futura, che cede il passo sul proprio campo. Da registrare tre espulsioni, due per i reggini uno per i siciliani.

AKRAGAS-COSENZA 1-4

G.E.A.R.-BOVALINO 4-8

Anche oggi un’altra bella vittoria in trasferta del Bovalino calcio a 5 (secondo in classifica con 34 punti), che tiene così a distanza gli immediati inseguitori (Ecosistem Lamezia Soccer 30 punti e Nuova Pro Nissa 29) mentre in vetta veleggia sempre il Città di Cosenza (46 punti), quintetto che non sbaglia più un colpo ed anche oggi vince facile in trasferta (1-4) sul campo dell’Akrgas futsal.

La prestazione odierna dei reggini è stata l’ulteriore conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, di una squadra che oltre a mettere in mostra un gioco corale di assoluto livello fa della compattezza e della sagacia tattica le armi migliori. Reparti che funzionano con un sincronismo quasi perfetto, giro palla che spesso disorienta i piani degli avversari e qualità tecnica di assoluto prim’ordine fanno del BC5 la principale pretendente nella corsa play off. A piazza Armerina, oggi, si è vista l’ennesima prova di forza degli uomini di mister Venanzi. La partita inizia ed è subito il portiere brasiliano Dias Rocha a rompere gli indugi portando in vantaggio, di testa, gli amaranto (0-1), passano solo pochi minuti ed al 5’ è Crespo a raddoppiare, altri tre minuti e le reti di vantaggio per gli ospiti salgono a tre con il gol di Scervino. Allo scoccare del 20’ è invece Robledo a firmare lo 0-4 che fa chiudere così la prima frazione di gioco. Ad inizio ripresa, nel giro di cinque minuti, i padroni di casa realizzano una doppia segnatura con Geovane (1-4) e con Dos Santos Moises (2-4). Gli ospiti non si lasciano intimorire e riprendono a macinare gioco realizzando ancora con Robledo il quinto gol (1-5) e subito dopo con Villoria il sesto (1-6), al 38’ per i padroni di casa è ancora Geovane a segnare portando il risultato sul 3-6. Nei minuti finali è invece il capitano Bruno Federico, per gli amaranto, a marcare il tabellino (3-7) e subito dopo ancora Scervino per il 3 a 8, quasi sui titoli di coda, ancora Geovane, fissa il risultato finale sul 4-8.

La partita si conclude con un brutto fallo da espulsione di Falcone su Crivi che fa salire per un attimo la tensione in campo. Alla fine dell’incontro, ovviamente, euforia negli spogliatoi reggini, anche perché si è vinto su un campo ritenuto a giusta ragione uno dei più temibili del torneo. Domenica prossima al Pala La Cava di Bovalino sarà di scena un incontro da non perdere, la squadra del Presidente Scordino affronterà a viso aperto il Lamezia che tenterà il tutto per tutto per rimanere sulla scia degli amaranto in questo finale di torneo che è tutto da vivere.

FUTURA-ISPICA 9-11

Tremenda beffa per una Futura che ha provato a capo di una coriacea Arcobaleno Ispica e che alla fine deve arrendersi agli arrembanti siciliani, che sbancano il PalaFutura. Spettacolo e gol, il pubblico presente al Palazzetto di Lazzaro di certo non si è annoiato, ma alla fine i tifosi gialloblù hanno dovuto ingoiare l’amaro calice della sconfitta. Un ko che lascia immutate le speranze playoff della squadra di Alfarano, ma che costringerà Rotella e soci ad un percorso netto nelle ultime tre sfide della stagione regolare.
0-1, 1-1, 2-1, 2-2, 2-3, 3-3, la successione del punteggio nel primo tempo; 4-3, 5-3,5-4, 6-4, 6-5, 6-6,7-6, 7-7, 8-7, 9-7, 9-8, 9-9, 9-10, 9-11 nella ripresa, sono gli incredibili rimbalzi di fughe e capovolgimenti di fronte tra i due team.
Rotella a 17’05”, Vergine di destro a 10’24” e ancora Rotella a 3’42’ dalla fine della prima frazione, mettono pressione ad un’Ispica che punge due volte con Di Benedetto e una volta con l’esperto Mittelman.
Nella ripresa, la Futura è sempre in fuga, passando in vantaggio a 18′ 11” con un ispiratissimo Vergine, che batte il portiere ospite in uscita. A 16’58” rosso all’estremo difensore Mascarenhas, sino ad allora uno dei migliori della gara. Everton porta la squadra sul 5-3, ma l’Ispica pareggia i conti sui 6-6, dopo il gran gol di Pannuti, che di punta batte il portiere volante inserito dai siciliani, con Ficili e la doppietta di Corallo. Pannuti, Modafferi e Labate, a 5’52” dalla fine della gara sembrano piazzare il break decisivo. Intanto la Futura è rimasta senza i portieri, fuori per infortunio, così i siciliani ne approfittano e rimontano con due gol a testa di Filici e Corallo: il gol del definitivo sorpasso a 1’02” dal termine.
Grande delusione in casa gialloblù, per quella che davvero poteva rappresentare un bel trampolino per conquistare un posto nei playoff. Certamente ottima la prova dell’Arcobaleno Ispica, che si è confermata ammazza-grandi, considerando che ha fermato sul pari sul campo avverso Bovalino, Gear Sport e Pro Nissa. La Futura tornerà in campo sabato prossimo, quando renderà visita al Mascalucia.

#avantiFutura

UFFICIO STAMPA POLISPORTIVA FUTURA

LAMEZIA SOCCER-AGR. MASCALUCIA 5-0
Marcatori: pt 09’31” Gerbasi, st 00’37”, 03’10” Monterosso, 11’17” Morelli, 12’36” Deodato.
LAMEZIA SOCCER: Sperlì, Morelli, Monterosso, Deodato, Caffarelli, Folino, D’Agostino, Montesanti, Gerbasi, Mantuano, Scalese, De Masi. Allenatore: Bebo Carrozza
AGRIPLUS: Giuffrida, Agosta, Caruso, Bertone Fama, Saraceno, Pocina, Fassari, Monasteri, Spoto, Argentino. Allenatore: Stefano Conti
Arbitri: Colucci Raffaele e Sorriso Nicola di Frattamaggiore Cronometrista: Catrambone Federica di Crotone

Non manca l’appuntamento con il ritorno alla vittoria l’Ecosistem Lameziasoccer che nella 18ª di campionato batte al Palasparti l’Agriplus Mascalucia. Vista la posizione in classifica degli avversari poteva sembrare una gara facile ma in questo torneo anche l’ultima della classe dimostra di saper stare bene e tenere il campo. Così l’Ecosistem ha sofferto un pò nella prima frazione non riuscendo a perforare più di una volta, con Gerbasi, la porta avversaria. Nella ripresa le cose sono cambiate con un atteggiamento più propositivo e determinato degli orange che hanno quasi giocato sul velluto se si eccettua qualche iniziativa avversaria. Monterosso e compagni hanno sempre tenuto il pallino del gioco e mister Carrozza ha effettuato le solite rotazioni lasciando spazio e minuti a tutti, anche ai due under Mantuano e De Masi altre che a far esordine nel finale Folino in porta. Assente Iozzino la parte del leone in termini di marcature l’ha fatto Monterosso che è andato in rete due volte e poi il già citato Gerbasi, capitan Morelli e Deodato. Meritava forse qualcosa di più Gerbasi che ci ha tentato molte volte ma si è trovato di fronte un Giuffrida molto reattivo. Soddisfatto al termine della gara mister Carrozza: “Squadra molto rocciosa che si è chiusa nei propri dieci metri e ci ha lasciato poco spazio, dopo che abbiamo trovato il secondo gol, ad inizio ripresa, ci siamo sciolti ed abbiamo giocato molto meglio. Fondamentalmente sono contento, in queste partite servono i tre punti, il gioco serve a poco perché sono quelle più insidiose”. “Ora ci prepariamo – prosegue – ad un’altra finale in cui ci dobbiamo essere soprattutto con la testa. Chi c’è scenderà in campo e ci darà altre soddisfazioni”. Una giornata che diventa più che positiva con i risultati arrivati dagli altri campi che rilanciano notevolmente le ambizioni orange per i play-off. (A.S. Lamezia Soccer)